Lufthansa > le nostre perdite dovute alla pessima campagna vaccinale Europea

Lufthansa

Lufthansa è listata sul Nasdaq sotto la sigla: LHA. DE

📊 Investi in Lufthansa su eToro

L’avvertimento di Lufthansa punta i riflettori sul fallimento del vaccino dell’UE

Giovedì, la più grande compagnia aerea tedesca ha dato qualche spunto di riflessione sottolineando che il destino del settore quest’anno è nelle mani dei politici europei che, finora, non sono riusciti a ottenere una buona ondata di vaccinazione.

Deutsche Lufthansa (DE: LHAG) ha detto che prevede una seconda perdita operativa consecutiva nel 2021, anche se molto inferiore ai 5,5 miliardi di euro dello scorso anno.

Per il primo trimestre, il CEO Carsten Spohr ha dichiarato di aspettarsi una perdita di 300 milioni di euro.

Come spesso in passato, la compagnia aerea avrà più aerei di quanti ne abbia bisogno, quest’anno volerà solo il 40-50% della sua flotta confronto al pre-pandemia. Lufthansa ritiene che debba volare oltre il 50% della capacità per generare un flusso di cassa operativo positivo.

“La nostra attività si è ripresa più lentamente di quanto avevamo inizialmente sperato”, ha detto Spohr.

La compagnia aerea è stata anche pessimista sulle prospettive a lungo termine e non si aspetta che il traffico torni ai livelli pre-Covid almeno fino alla metà del decennio.

In precedenza si prevedeva che l’attività sarebbe tornata ai livelli del 2019 entro il 2024, di conseguenza, sta cercando di ritirare una maggior parte dei suoi vecchi aerei.

Tutto questo è stato pubblicato insieme a una perdita netta record di 6,7 miliardi di euro (8,0 miliardi di dollari) che il mercato aveva già scontato.

Le azioni Lufthansa sono scese dell’1,4%, rendendola la peggiore performance delle principali compagnie aeree europee del giorno.

Sorprendentemente, proprio in cima al comunicato stampa di Lufthansa c’era un appello all’Unione Europea affinché istituisse “certificati di vaccinazione e test digitali riconosciuti a livello internazionale” per consentire alle persone di viaggiare di nuovo con sicurezza, libere dalla paura di prendere il Covid-19 in aereo.

Tali schemi “devono sostituire i divieti di viaggio e la quarantena”, ha detto Spohr.

La parte interessante di questo è che il maggiore azionista di Lufthansa, il governo tedesco, è probabilmente il più grande ostacolo a un tale schema, avendo respinto pesantemente al vertice dell’UE della scorsa settimana gli appelli di paesi come Grecia e Spagna le cui economie dipendono maggiormente dal turismo.

La Commissione Europea ha detto lunedì che inizierà presto a redigere una legge che istituisce un “Digital Green Pass” a livello dell’UE, ma è improbabile che soddisfi Madrid o Atene a meno che lo schema non venga esteso anche al Regno Unito.

Euronews ha riferito martedì che il piano richiederà probabilmente almeno tre mesi di lavoro tecnico e dovrà soddisfare preoccupazioni che vanno dalla privacy dei dati e dalla discriminazione alla falsificazione.

Lascia pochissimo tempo per lo slittamento se il regime deve essere di qualche utilità per i vacanzieri e coloro che cercano lavoro stagionale all’estero, quindi, questo significa che l’entusiasmo per le azioni delle compagnie aeree europee è fuori luogo?

L’indice Stoxx Total Market Airlines è aumentato di oltre il 60% dalla svolta del vaccino Pfizer-BioNTech, e società del calibro di International Airlines Group (LON: ICAG) e Wizz Air (LON: WIZZ) sono entrambe aumentate giovedì, invalidando qualsiasi read-across per il settore più ampio.

Ancora più importante, è che le azioni sono ancora protette da basse valutazioni assolute e relative: le compagnie aeree europee scambiano a una media di 0,22 volte le vendite.

Il rapporto comparabile per le compagnie aeree statunitensi è 1.

Anche così, l’avvertimento di Lufthansa dovrebbe ricordarci che il settore dei viaggi non può riprendersi fino a quando il virus non viene sconfitto e che la sconfitta del virus dipende dal miglioramento drastico dell’UE del suo record di vaccinazioni.

I tre paesi più vaccinati del continente:

  • Regno Unito
  • Norvegia
  • Serbia

Hanno profili molto diversi e hanno poco in comune, tranne la loro non appartenenza all’UE.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *