Ripple

Ripple

Ripple è un sistema di trasferimento di fondi in tempo reale (Real-time gross settlement), un network per gli scambi in valute e per invio di rimesse, creato nel 2012 da opencoin. Il nome del sistema, per esteso, è Ripple Transaction Protocol, in sigla RTXP (traducibile in italiano come Protocollo di transazione Ripple, o semplicemente Protocollo Ripple).

📊 Investi in Ripple XRP su eToro

Si basa su un protocollo internet open source, in cui le transazioni sono registrate su un libro mastro distribuito (la cui integrità e affidabilità sono garantite da un sistema di verifica basato sul consenso), e su propria una valuta digitale, chiamata anch’essa Ripple (simbolo XRP).

Lo scopo è di rendere possibili transazioni finanziarie gratuite e a livello globale di qualsiasi importo senza chargeback (contestazioni da parte dei titolari di una carta di credito), il sistema si serve di “token” che rappresentano una tradizionale valuta legale (fiat currency), criptovaluta, commodities o qualsiasi altra unità di valore, come i chilometri percorsi nei programmi frequent flyer o i minuti di telefonia mobile.

Ripple è realizzato attorno ad una base di dati pubblica e condivisa, che usa un processo consensuale per la verifica dei pagamenti in un processo distribuito.

La rete è decentralizzata e può operare senza l’azienda Ripple. Tra i “validators” ci sono aziende, internet service providers, e il Massachusetts Institute of Technology.

Adottato da società come UniCredit, UBS e Banco Santander, Ripple sta iniziando a esser usato come infrastruttura tecnologica da banche e reti di pagamento.

American Banker spiega che “dal punto di vista delle banche, libri mastri distribuiti come il sistema di Ripple hanno maggiori vantaggi rispetto a criptovalute come bitcoin”, tra cui prezzo e sicurezza.

XRP è la valuta nativa della rete Ripple ed esiste solamente in questi sistemi. XRP è divisibile sulla base di 6 posizioni decimali: quindi, la più piccola unità divisionale, chiamata “drop” (goccia), vale 1 milionesimo di 1 XRP (in altri termini, 1 milione di drop equivalente a 1 XRP).

Alla nascita furono creati 100 miliardi di XRP, senza ulteriore creazione di base valutaria, come da regole del protocollo.[13] Il sistema è stato progettato come un asset “scarso” che decrementa la sua disponibilità. Non dipende da terze parti per il rimborso, è l’unica valuta della rete Ripple che non comporta un rischio per la controparte, ed è l’unico asset nativo digitale.

XRP ha avuto un valore inferiore a €1 fino al 27 dicembre 2017, il 4 gennaio 2018 ha raggiunto il massimo storico di €3,26. Nel febbraio 2018 è sceso sotto €1, valore che non ha più raggiunto. Il valore al 1 giugno 2020 è €0,17.

Le altre valute della rete Ripple sono strumenti di debito ed esiste in forma di bilanci[non chiaro]. Agli utenti della rete Ripple non è richiesto di usare XRP come come mezzo di scambio e di accantonamento del valore. A ogni profilo Ripple, tuttavia, è richiesto di aver una piccola “riserva” di 20 XRP.($3.55 al 1 luglio 2020). Lo scopo di questa richiesta è discussa nella sezione anti-spam del protocollo Ripple.