Indicatore RSI

Indicatore RSI

📊 Investi su eToro

Indice di forza relativa RSI 📈📉

L’indice di forza relativa RSI è un indicatore di momentum utilizzato nell’analisi tecnica che misura l’entità delle recenti variazioni di prezzo per valutare le condizioni di ipercomprato o ipervenduto nel prezzo di un’azione o di un altro asset.

L’RSI viene visualizzato come un oscillatore (un grafico a linee che si muove tra due estremi) e può avere una lettura da 0 a 100.

L’indicatore è stato originariamente sviluppato da J. Welles Wilder Jr. e introdotto nel suo libro fondamentale del 1978, “New Concepts in Technical Trading Systems “.

L’interpretazione e l’utilizzo tradizionali dell’ RSI  di 70 o più valori indicano se un titolo sta diventando ipercomprato o sopravvalutato e può essere innescato per un’inversione di tendenza o un pullback correttivo del prezzo, una lettura RSI di 30 o inferiore indica una condizione di ipervenduto o sottovalutata.

La formula per RSI ❌➗🔢

L’indice di forza relativa (RSI) viene calcolato con un calcolo in due parti che inizia con la seguente formula:

Il guadagno o la perdita media utilizzata nel calcolo è il guadagno o la perdita percentuale media durante un periodo di ricerca.

Lo standard prevede l’utilizzo di 14 periodi per calcolare il valore RSI iniziale, ad esempio, immagina che il mercato abbia chiuso al rialzo di sette negli ultimi 14 giorni con un guadagno medio dell’1%, i restanti sette giorni si sono chiusi tutti in ribasso con una perdita media del -0,8%.

Il calcolo per la prima parte dell’RSI sarebbe simile al seguente calcolo espanso:

Calcolo dell’RSI

Utilizzando le formule precedenti, è possibile calcolare l’RSI, dove la linea dell’RSI può quindi essere tracciata sotto il grafico dei prezzi di un asset.

L’RSI aumenterà all’aumentare del numero e dell’entità delle chiusure positive e diminuirà all’aumentare del numero e dell’entità delle perdite.

La seconda parte del calcolo uniforma il risultato, quindi l’RSI si avvicinerà solo a 100 o 0 in un mercato in forte tendenza.


Come puoi vedere nel grafico sopra, l’indicatore RSI può rimanere nella regione ipercomprato per periodi prolungati mentre il titolo è in un trend rialzista.

L’indicatore può anche rimanere a lungo nel territorio di ipervenduto quando il titolo è in una tendenza al ribasso.

Questo può creare confusione per i nuovi analisti, ma imparare a utilizzare l’indicatore nel contesto della tendenza prevalente chiarirà questi problemi.

Cosa ti dice RSI?:

La tendenza principale del titolo o dell’asset è uno strumento importante per assicurarsi che le letture dell’indicatore siano correttamente comprese, ad esempio, il noto tecnico di mercato Constance Brown, CMT, ha promosso l’idea che una lettura di ipervenduto sull’RSI in un trend rialzista è probabilmente molto superiore al 30%, e una lettura di ipercomprato sull’RSI durante una tendenza al ribasso è molto inferiore al Livello 70%.

Come puoi vedere nel grafico seguente, durante una tendenza al ribasso, l’RSI raggiungerebbe un picco vicino al livello del 50% anziché del 70%, che potrebbe essere utilizzato dagli investitori per segnalare in modo più affidabile condizioni ribassiste.

Molti investitori applicheranno una linea di tendenza orizzontale compresa tra i livelli del 30% e del 70% quando è in atto una tendenza forte per identificare meglio gli estremi.

La modifica dei livelli di ipercomprato o ipervenduto quando il prezzo di un’azione o di un asset è in un canale orizzontale a lungo termine non è solitamente necessario.


Un concetto correlato all’utilizzo di livelli di ipercomprato o ipervenduto appropriati al trend è quello di concentrarsi su segnali di trading e tecniche conformi al trend, in altre parole, l’utilizzo di segnali rialzisti quando il prezzo è in una tendenza rialzista e segnali ribassisti quando un titolo è in una tendenza ribassista aiuterà ad evitare i molti falsi allarmi che l’RSI può generare.

Esempio di divergenze RSI

Una divergenza rialzista si verifica quando l’RSI crea una lettura di ipervenduto seguita da un minimo più alto che corrisponde ai minimi più bassi nel prezzo, ciò indica un aumento dello slancio rialzista e una rottura sopra il territorio over sold potrebbe essere utilizzata per innescare una nuova posizione lunga.

Una divergenza ribassista si verifica quando l’RSI crea una lettura ipercomprata seguita da un massimo inferiore che corrisponde ai massimi superiori corrispondenti sul prezzo.

Come puoi vedere nel grafico seguente, è stata identificata una divergenza rialzista quando l‘RSI ha formato minimi più alti mentre il prezzo ha formato minimi più bassi.

Questo è stato un segnale valido, ma le divergenze possono essere rare quando un titolo ha una tendenza stabile a lungo termine.

L’utilizzo di letture flessibili di ipervenduto o ipercomprato aiuterà a identificare più potenziali segnali.

Esempio di RSI Swing Rejections

Un’altra tecnica di trading esamina il comportamento dell’RSI quando sta riemergendo dal territorio di ipercomprato o ipervenduto. Questo segnale è chiamato “rifiuto swing” rialzista e ha quattro parti:

  1. L’RSI cade in territorio ipervenduto.
  2. L’RSI incrocia di nuovo sopra il 30%.
  3. L’RSI forma un altro calo senza tornare in territorio ipervenduto.
  4. L’RSI rompe quindi il suo massimo più recente.

Come puoi vedere nel grafico seguente, l’indicatore RSI è stato ipervenduto, ha superato il 30% e ha formato il minimo di rifiuto che ha attivato il segnale quando è rimbalzato più in alto.

Usare l’RSI in questo modo è molto simile a disegnare linee di tendenza su un grafico dei prezzi.

Come le divergenze, esiste una versione ribassista del segnale di rifiuto dello swing che sembra un’immagine speculare della versione rialzista.

Un rifiuto dello swing ribassista ha anche quattro parti:

  • L’RSI sale in territorio di ipercomprato.
  • RSI torna al di sotto del 70%.
  • L’RSI forma un altro massimo senza tornare in territorio di ipercomprato.
  • L’RSI poi rompe il suo minimo più recente.

Il grafico seguente illustra il segnale di rifiuto dell’oscillazione ribassista.

Come con la maggior parte delle tecniche di trading, questo segnale sarà più affidabile quando sarà conforme alla tendenza prevalente a lungo termine.

I segnali ribassisti durante le tendenze al ribasso hanno meno probabilità di generare falsi allarmi.

La differenza tra RSI e MACD

La Moving Average Convergence Divergence (MACD) è un altro indicatore di momentum che segue la tendenza che mostra la relazione tra due medie mobili del prezzo di un titolo.

Il MACD viene calcolato sottraendo la media mobile esponenziale a 26 periodi (EMA) dall’EMA a 12 periodi.

Il risultato di quel calcolo è la linea MACD.

Una EMA di nove giorni del MACD chiamata “linea di segnale” viene quindi tracciata sopra la linea MACD, che può funzionare come trigger per segnali di acquisto e vendita.

I trader possono acquistare il titolo quando il MACD supera la linea del segnale e vendere, o vendere allo scoperto, il titolo quando il MACD attraversa al di sotto della linea del segnale.

L’RSI è stato progettato per indicare se un titolo è ipercomprato o ipervenduto in relazione ai recenti livelli di prezzo.

L’RSI viene calcolato utilizzando guadagni e perdite di prezzo medi in un determinato periodo di tempo. Il periodo di tempo predefinito è di 14 periodi con valori limitati da 0 a 100.

Il MACD misura la relazione tra due EMA, mentre l’RSI misura la variazione dei prezzi in relazione ai recenti massimi e minimi dei prezzi.

Questi due indicatori vengono spesso utilizzati insieme per fornire agli analisti un quadro tecnico più completo di un mercato.

Questi indicatori misurano entrambi lo slancio di un asset. Tuttavia, misurano diversi fattori, quindi a volte danno indicazioni contraddittorie.

Ad esempio, l’RSI può mostrare una lettura superiore a 70 per un periodo di tempo prolungato, indicando che il titolo è sovraesteso al lato dell’acquisto.

Allo stesso tempo, il MACD potrebbe indicare che lo slancio degli acquisti è ancora in aumento per la sicurezza.

Entrambi gli indicatori possono segnalare un imminente cambiamento di tendenza mostrando la divergenza dal prezzo (il prezzo continua a salire mentre l’indicatore si abbassa, o viceversa).

Limitazioni dell’ indicatore RSI

L’RSI confronta il momentum dei prezzi rialzista e ribassista e mostra i risultati in un oscillatore che può essere posizionato sotto un grafico dei prezzi.

Come la maggior parte degli indicatori tecnici, i suoi segnali sono più affidabili quando sono conformi alla tendenza a lungo termine.

I veri segnali di inversione sono rari e possono essere difficili da separare dai falsi allarmi.

Un falso positivo, ad esempio, sarebbe un crossover rialzista seguito da un improvviso calo di un’azione.

Un falso negativo sarebbe una situazione in cui c’è un crossover ribassista, ma il titolo ha subito un’accelerazione al rialzo.

Poiché l’indicatore mostra lo slancio, può rimanere ipercomprato o ipervenduto per molto tempo quando un asset ha uno slancio significativo in entrambe le direzioni.

Pertanto, l’RSI è più utile in un mercato oscillante in cui il prezzo dell’asset si alterna tra movimenti rialzisti e ribassisti.

Cos’è l’indice di forza relativa (RSI)?

Il Relative Strength Index (RSI) è una misura utilizzata dai trader per valutare lo slancio del prezzo di un’azione o di un altro titolo.

L’idea di base alla base dell’RSI è misurare la velocità con cui i trader stanno offrendo il prezzo del titolo al rialzo o al ribasso.

L’RSI traccia questo risultato su una scala da 0 a 100.

Le letture inferiori a 30 indicano generalmente che il titolo è ipervenduto, mentre le letture superiori a 70 indicano che è ipercomprato.

I trader spesso posizionano questo grafico RSI sotto il grafico dei prezzi del titolo, in modo da poter confrontare il suo recente slancio con il suo prezzo di mercato.

Cos’è un segnale di acquisto RSI?

Alcuni trader lo considereranno un “segnale di acquisto” se la lettura dell’RSI di un titolo si muove al di sotto di 30, sulla base dell’idea che il titolo sia stato ipervenduto ed è quindi pronto per un rimbalzo.

Tuttavia, l’affidabilità di questo segnale dipenderà in parte dal contesto generale.

Se il titolo si trova in una significativa tendenza al ribasso, potrebbe continuare a negoziare a un livello di ipervenduto per un bel po ‘di tempo.

I trader in quella situazione potrebbero ritardare l’acquisto fino a quando non vedono altri segnali di conferma.

Qual è la differenza tra Indicatore RSI e Moving Average Convergence Divergence (MACD)?

RSI e Moving Average Convergence Divergence (MACD) sono entrambe misurazioni che cercano di aiutare i trader a comprendere la recente attività di trading di un titolo, ma raggiungono questo obiettivo in modi diversi.

In sostanza, il modo in cui funziona il MACD è appianare i recenti movimenti di prezzo del titolo e confrontare quella linea di tendenza a medio termine con un’altra linea di tendenza che mostra le sue variazioni di prezzo più recenti.

I trader possono quindi basare le loro decisioni di acquisto e vendita sul fatto che la linea di tendenza a breve termine sale al di sopra o al di sotto della linea di tendenza a medio termine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *