Walt Disney azioni

Walt Disney

Walt Disney è listata sul Nasdaq sotto la sigla DIS

📊 Investi su Walt Disney su eToro

Basta pensare che il colosso americano, con una capitalizzazione di mercato da 261 miliardi di dollari sia nato nel 1923 come Disney Brothers Cartoon Studio, di Walt e suo fratello, Roy O.Disney.

I momenti salienti lungo il percorso includevano il primo film sonoro della Disney, “Steamboat Willie”, nel 1928, il suo primo lungometraggio d’animazione, “Biancaneve ei sette nani” nel 1937 e un’incursione nella televisione nel 1950.

Nel 1955, il parco a tema di Walt divenne operativo come Disneyland ad Anaheim.

Una seconda location a Orlando, in Florida, fu annunciata nel 1965.

L’anno successivo Walt morì, lasciando Roy al comando. Venne la morte di Roy, ma l’azienda ha continuato a crescere.

Walt Disney (DIS) è rimbalzato a nuovi massimi dopo essere tornato oltre il 140% dai minimi del crollo del coronavirus di marzo 2020.

L’anno scorso è stata una corsa sfrenata a Wall Street, quando il mercato azionario è caduto in una crisi durante il crollo del coronavirus.

Le azioni Disney sono state sbattute quando la società Dow Jones ha chiuso i suoi parchi a tema e ha sospeso le partenze della Disney Cruise Line.

Parchi a tema:

  • Walt Disney World
  • Shanghai Disneyland
  • Hong Kong Disneyland sono aperti ad oggi.

Mentre:

  • Disneyland Paris
  • Disney’s California
  • Hotel resort sono chiusi.

Parigi Disneyland riaprirà il 2 aprile.

La California ha dichiarato che i parchi a tema potrebbero riaprire ad aprile, inizialmente con una capacità del 15%.

Disneyland e California Adventure sono state chiuse ormai da quasi un anno.

Il 28 settembre, la Disney ha annunciato che avrebbe eliminato 28.000 posti di lavoro nei parchi a tema.

L’ incertezza sul coronavirus è stata “aggravata in California dalla riluttanza dello Stato a revocare le restrizioni che consentirebbero la riapertura di Disneyland”.

Novembre, la Disney ha detto che licenzierà altri 4.000 lavoratori.

A ottobre, ha annunciato un’importante riorganizzazione, che ha aumentato le azioni del 3% il giorno successivo.

A novembre, Disney plus è entrata per la prima volta nella Top 10 dei titoli in streaming di Nielsen, poiché la seconda stagione della sua serie di successo “The Mandalorian” è iniziata il 30 ottobre.

E dopo la chiusura dell’11 febbraio, il gigante dei media ha riportato guadagni e vendite trimestrali che hanno superato gli obiettivi di Wall Street.

Gli osservatori del settore ora si aspettano che i parchi a tema riapriranno questa primavera o estate.

Al suo investor day del 10 dicembre, Disney ha dichiarato che gli abbonati a Disney + erano a 86,8 milioni al 2 dicembre.

Questo è un aumento da 73,7 milioni all’inizio di ottobre e 60,5 milioni all’inizio di agosto, compresi Disney plus, Hotstar, Hulu ed ESPN plus, i servizi di streaming dell’azienda hanno più di 137 milioni di abbonati.

Quest’anno Disney plus si espanderà in Europa orientale, Corea del Sud, Hong Kong e altri mercati.

La società ora prevede di avere dai 230 ai 260 milioni di abbonati Disney plus entro il 2024, in aumento rispetto alla sua stima precedente di 60/90 milioni per lo stesso lasso di tempo, con abbonamenti globali su tutti i servizi che raggiungono dai 300 ai 350 milioni.

Netflix (NFLX), in confronto, ha 195,15 milioni di abbonati.

Disney prevede di lanciare un nuovo servizio di streaming a marchio Star a livello internazionale quest’anno, sfruttando i contenuti di:

  1. ABC Studios
  2. Fox Television
  3. FX
  4. Freeform
  5. 20th Century Studios
  6. Searchlight e altre risorse di proprietà Disney.

Il nuovo CEO Bob Chapek, presidente di Disney Parks, Experiences and Products, è stato nominato nuovo amministratore delegato dopo che Bob Iger si è dimesso nel febbraio 2020.

All’epoca, Iger ha detto che sarebbe rimasto fino alla fine del 2021 come presidente esecutivo e dirigere gli sforzi creativi della Disney.

Sotto i 14 anni di mandato di Iger, le azioni Disney sono aumentate di oltre il 400%, o circa il 12% su base annua.

Ha rinnovato i parchi a tema, ha portato Star Wars, Marvel e Pixar nell’universo cinematografico Disney e ha lanciato Disney plus.

Disney plus continua a crescere dopo la chiusura dell’11 febbraio, ha riportato un utile per azione di 32 centesimi su un fatturato di 16,25 miliardi di dollari.

Gli analisti si aspettavano una perdita di 45 centesimi su 15,8 miliardi di dollari di vendite, secondo Zacks Investment Research.

Le entrate dei parchi sono scese del 53% a 3,59 miliardi di dollari, ma, i ricavi diretti al consumatore che includono Disney plus e altri servizi di streaming, sono aumentati del 73% a 3,50 miliardi di dollari.

Sulla teleconferenza sugli utili, Chapek ha detto che la riapertura dei parchi dipende dai tassi di vaccinazione, ma ha aggiunto di essere soddisfatto delle prenotazioni future.

Gli abbonati Disney plus sono aumentati del 9% a 94,9 milioni al 2 gennaio, da 86,8 milioni il 2 dicembre e del 258% rispetto a un anno fa.

A marzo, le tariffe mensili aumenteranno da 1 a 7,99 negli Stati Uniti e da 2 euro a 8,99 euro al mese in Europa, il che probabilmente aumenterà le entrate.

Gli abbonati ESPN plus sono aumentati dell’83% su base annua a 12,1 milioni, dove Hulu è cresciuto del 30% a 39,4 milioni.

Durante l’anno fiscale terminato a settembre, il gigante del parco a tema e dei media ha generato vendite per quasi 70 miliardi di dollari.

Fondamenti di azioni Disney, e, guadagni

Disney ha un punteggio composito 38, che combina le metriche fondamentali e tecniche chiave in un unico punteggio.

Il gigante dei media è al 12 ° posto nel gruppo Media-Diversified con 26 azioni, in base a tale valutazione.

Un rating di 12 utili per azione riflette un tasso di crescita degli utili quinquennali del -16%, che include un risultato piatto nell’anno fiscale 2017, un calo del 19% nell’anno fiscale 2019 e un calo del 65% nell’anno fiscale 2020.

Gli analisti ora si aspettano che l’EPS scenderà del 7% nell’attuale anno fiscale che termina a settembre, seguito da un aumento del 159% nell’anno fiscale 2021, secondo FactSet.

Disney Stock

Dopo essere uscito da una base piatta è salito a livelli record nel novembre 2019, le azioni sono crollate di oltre il 40% durante il crollo del mercato del coronavirus.

L’8 febbraio, ha guidato il Dow Jones Industrial Average con un balzo del 4,9% a un nuovo massimo.

Le azioni hanno superato un punto di acquisto di 183,50 su una base piatta di cinque settimane in volume del 38% superiore al solito.

Le azioni sono entrate e uscite dal range di acquisto nelle ultime quattro settimane.

Lunedì pomeriggio, è aumentato di quasi il 6%, sulla buona strada per un nuovo massimo di chiusura.

Ora è fuori dalla gamma di acquisto, che arriva fino a 192,68, quindi non è un buon acquisto in questo momento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *