Ferrari azioni

Ferrari

Ferrari è listata sul Nasdaq sotto la sigla: RACE

📊 Investi su Ferrari in eToro

STORIA: anni 30/40

La storia Ferrari inizia ufficialmente nel 1947 quando la prima vettura costruita sotto il marchio Ferrari, la 125 S, varca i cancelli dello storico stabilimento di Via Abetone Inferiore a Maranello.

Ma le origini della Ferrari sono indissolubilmente legate all’intera storia di vita del suo fondatore.

Nato a Modena il 18 febbraio 1898, Enzo Ferrari muore il 14 agosto 1988, dopo aver dedicato tutta la sua vita alle corse automobilistiche.

Divenne pilota ufficiale Alfa Romeo nel 1924, ma solo cinque anni dopo fondò la Scuderia Ferrari in Viale Trieste a Modena per consentire ai suoi soci, per lo più gentleman di partecipare alle corse.

Nel 1938 Enzo Ferrari fu nominata direttore capo di “Alfa Corse”

Però nel 1939 lasciò tale incarico per avviare l’Auto Avio Costruzioni nella vecchia sede della Scuderia.In questa sua nuova azienda Enzo Ferrari realizzò una vettura sportiva, una spider 8 cilindri, 1500 cm³ denominata 815, che fu costruita in due esemplari e partecipò alla Mille Miglia del 1940.

L’inizio della seconda guerra mondiale pose fine a ogni attività agonistica.

Alla fine del 1943, la Ferrari trasferì le officine di Auto Avio Costruzioni da Modena a Maranello.

Alla fine della guerra iniziò a progettare e costruire quella che sarebbe diventata la prima Ferrari, la 125 S, un 12 cilindri da 1500 cc. che, affidata a Franco Cortese, debuttò sul Circuito di Piacenza l’11 maggio 1947 e il 25 dello stesso mese vinse la sua prima gara al Gran Premio di Roma, sul circuito intorno alle Terme di Caracalla

ANNI 50: il successo

Gli anni ’50 portarono grandi cambiamenti e alla fine del decennio il nome Ferrari era famoso in tutto il mondo.

Da un punto di vista sportivo, il marchio ha celebrato la prima di una serie di vittorie che avrebbero portato la Scuderia Ferrari a diventare la squadra di maggior successo nella storia della Formula 1.

Nelle gare endurance, la Ferrari vinse la sua prima Mille Miglia nel 1948 e la sua prima 24 Ore di Le Mans nel 1949. In Formula 1, nel 1951 vinse il primo Gran Premio del Campionato del Mondo di Formula 1 e nel 1952 vinse il titolo mondiale con Alberto Ascari , un’impresa ripetuta nel 1953.

Ci furono sviluppi significativi anche sul fronte della produzione quando la Ferrari iniziò a collaborare con la storica Carrozzeria Scaglietti nel 1951, incaricandola di fabbricare e assemblare i suoi telai ”.

Il successo di pubblico è tale che tra il 1950 e il 1960 le vendite vengono più che triplicate

Il Consolidamento: anni 60/70

Consapevole del fatto che sviluppare il lato industriale dell’attività richiederebbe una struttura aziendale moderna e ben articolata, Enzo Ferrari attua una serie di modifiche: nel 1960 la Ferrari diventa una Società per Azioni e nel 1969 raggiunge un accordo con la Fiat per la cessione del 50% delle sue azioni.

Nel 1973, iniziò la produzione di auto con i primi motori V8 montati nel posteriore, che si rivelarono un enorme successo commerciale.

Le vendite continuarono a crescere durante quel decennio “anni 70”, guidate dalla popolarità di modelli come la 308 GTB, la 308 GT4 e la GTS.

Ovviamente, il reparto corse non stava certo a guardare

La sponsorizzazione arrivò in Formula 1 alla fine degli anni ’60 e anche in quel periodo i loghi iniziarono ad apparire sulle monoposto Ferrari, infatti, nel 1968, il Cavallino Rampante strinse un accordo di sponsorizzazione con Shell che rimane il main sponsor fino ad oggi insieme a Philip Morris International dal 1984.

Nella seconda metà del decennio, la Scuderia ha avuto un enorme successo in F1 , vincendo più volte i titoli mondiali Piloti e Costruttori

Verso il nuovo millennio: anni 80/90

Probabilmente il periodo più difficile è negli anni ’80.

Il decennio si chiude con la triste nota della scomparsa di Enzo Ferrari nel 1988.

Inoltre la Fiat aumenta la sua quota al 90% e il restante 10% rimane nelle mani del figlio di Enzo e Piero Ferrari.

Mentre la Scuderia ha ottenuto solo due titoli Costruttori di Formula 1 (1982 e 1983), la Ferrari ha prodotto anche diverse vetture che hanno fatto la storia negli stessi anni:

  1. La 288 GTO
  2. Testarossa nel 1984
  3. la F40, ultima vettura di Enzo Ferrari, nel 1987
  4. F50 nel 1995


Il dominio Ferrari dipinge di rosso la F1: anni 2000 2010

Il nuovo millennio ha inaugurato un periodo di spettacolari successi sportivi.

La Ferrari ha ottenuto una serie di vittorie impressionanti sul suolo americano, tra cui tre 12 ore di Sebring e una 24 ore di Daytona.

Tuttavia, è stato in F1 che Maranello ha davvero dominato l’azione.

ra il 2000 e il 2008, infatti, la Scuderia Ferrari ha vinto un totale di 13 titoli mondiali: sei Piloti (cinque con Schumacher e uno con Räikkönen) e sette Costruttori ‘.

Da un punto di vista commerciale sono stati anni che hanno portato al lancio di modelli di successo del calibro della Enzo Ferrari nel 2002 e F430 nel 2004.

Ancora più significativo, però, l’adozione di una nuova politica di branding.

Ciò ha portato all’inaugurazione ufficiale del primo Ferrari Store a Maranello nel 2002, seguita da una serie di aperture in Italia e all’estero che si sarebbero concluse con 30 punti vendita monomarca in tutto il mondo, tra cui San Pietroburgo, Dubai, Abu Dhabi, Singapore, New York e Miami.


I Nuovi mercati e la quotazione in borsa 2010

Il terzo millennio è iniziato con un decennio di rapida espansione.

Si rafforza la presenza sui mercati emergenti, come il Medio Oriente, Cina, Giappone e il resto dell’Estremo Oriente, oltre a consolidarsi sui mercati degli Stati Uniti, del Regno Unito e della Germania.

Hanno anche lavorato nella stessa direzione con modelli che offrivano uno standard superiore di comfort e guidabilità pur mantenendo le prestazioni tipiche della Ferrari.

Nel 2015 FCA ha messo in vendita il 10% delle sue azioni in Ferrari in un’offerta pubblica iniziale e il 21 ottobre 2015 è stata quotata alla Borsa di New York (NYSE: RACE). Il 4 gennaio 2016 Ferrari si è quotata anche in Borsa

Analisi di Status e trend

Lo scenario di medio periodo di Ferrari ratifica la tendenza negativa della curva.

Tuttavia l’analisi del grafico a breve evidenzia un allentamento della fase ribassista propedeutico ad un innalzamento verso la prima area di resistenza vista a 162,6. Supporto a 160.

Eventuali elementi positivi sostengono il raggiungimento di un nuovo top visto in area 165,2.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *