Cloudflare azioni

Cloudflare

Cloudflare è listato sul Nasdaq sotto la sigla: NET

📊Investi in Cloudflare su eToro

E’ una società americana di infrastrutture web e sicurezza di siti web che fornisce servizi di rete per la distribuzione di contenuti, mitigazione DDoS, sicurezza Internet e servizi di server dei nomi di dominio distribuiti.

I servizi di Cloudflare sono tra il visitatore di un sito web e il provider di hosting dell’utente, agendo come un proxy inverso per i siti web.

Il quartier generale di Cloudflare è a San Francisco.

Storia

Cloudflare nasce nel 2009 dall’idee di Matthew Prince, Lee Holloway e Michelle Zatlyn.

Ha ricevuto l’attenzione dei media nel giugno 2011 per aver fornito servizi di sicurezza al sito web di LulzSec, un gruppo di hacker black hat.

Cloudflare funge da proxy inverso per il traffico web, supporta i protocolli web, inclusi SPDY e HTTP / 2, inoltre offre supporto per HTTP / 2 Server Push.

Dal 2009 la società è stata finanziata con capitale di rischio.

Il 15 agosto 2019, Cloudflare ha presentato il suo deposito S-1 per IPO alla Borsa di New York con il codice di borsa NET, e viene listato il 13 settembre 2019, al prezzo di 15 dollari per azione.

Nel febbraio 2014, Cloudflare respingere il più grande attacco DDoS mai registrato, che ha raggiunto il picco di 400 Gigabit al secondo contro un cliente non reso noto.

Sempre nel 2014, ma questa volta a Novembre, Cloudflare ha segnalato un altro massiccio attacco DDoS con siti multimediali indipendenti mirati a 500 Gbit / s.

Nel marzo 2013, l’azienda ha difeso The Spamhaus Project da un attacco DDoS che ha superato i 300 Gbit / s.

Il capo architetto di Akamai ha dichiarato che all’epoca si trattava “del più grande attacco DDoS annunciato pubblicamente nella storia del “web”.

Secondo quanto riferito, Cloudflare ha anche assorbito attacchi che hanno raggiunto il picco di oltre 400 Gbit / s da un attacco NTP Reflection.


Nel 2014, Cloudflare ha introdotto un aggiornamento “Progetto Galileo” in risposta agli attacchi informatici:

Contro obiettivi online vulnerabili, come artisti, attivisti, giornalisti e gruppi per i diritti umani.

Il progetto Galileo fornisce a tali gruppi servizi gratuiti per proteggere i loro siti web.

Il 1 ° aprile 2019, Cloudflare ha annunciato un nuovo servizio di rete privata virtuale freemium denominato “WARP”:

Inizialmente sarebbe stato disponibile tramite le app mobili 1.1.1.1 con un’app desktop disponibile in seguito.

Il 25 settembre 2019, Cloudflare ha rilasciato al pubblico “WARP”.

La beta per macOS e Windows è stata annunciata il 1 aprile 2020.

Nel 2020, Michelle Zatlyn è stata nominata presidente, una delle poche donne presidente di società tecnologiche quotata in borsa negli Stati Uniti.


Prodotti: protezione DDoS

Cloudflare fornisce servizi di mitigazione DDoS che proteggono i clienti dagli attacchi DDoS (Distributed Denial of Service).

A partire da settembre 2020, la società afferma di bloccare “una media di 72 miliardi di minacce al giorno, inclusi alcuni dei più grandi attacchi DDoS della storia” .

Il 6 settembre 2019, Wikipedia è stata vittima di un attacco DDoS che impediva agli utenti dell’ Europa di connettersi per molte ore.

L’attacco è respinto con l’utilizzo di servizi di protezione di rete e DDoS di Cloudflare per reindirizzare e filtrare il traffico Internet.

Il prodotto specifico Cloudflare utilizzato era Magic Transit.

Sicurezza e privacy

Il gruppo di hacker UGNazi ha attaccato parzialmente sfruttando le falle nei sistemi di autenticazione di Google nel giugno 2012, ottenendo l’accesso amministrativo a Cloudflare e utilizzandolo per deturpare 4chan.

Da settembre 2016 a febbraio 2017, un grave bug di Cloudflare ha fatto trapelare dati sensibili:

Password e token di autenticazione dai siti web dei clienti inviando dati aggiuntivi in ​​risposta alle richieste web.

Le perdite sono il risultato di un buffer overflow che si è verificato, secondo l’analisi di Cloudflare, circa 1 ogni 3.300.000 richieste HTTP.

Nel 2017, ProPublica ha riferito che,  inoltra i nomi e gli indirizzi e-mail delle persone che si lamentano dei siti di odio ai siti in questione, il che ha portato a molestie nei clienti.

Il legale ha difeso le politiche dell’azienda dicendo che è “una legge costituzionale di base che le persone possono affrontare i loro accusatori”.

Ha aggiornato il proprio processo di segnalazione degli abusi e fornisce un maggiore controllo.

Cloudflare è citato nei rapporti di The Spamhaus Project, un’organizzazione internazionale di tracciamento dello spam, a causa dell’elevato numero di operazioni botnet dei criminali informatici “ospitate” sui servizi .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *