Metamask & JPM

Metamask

Gli utenti di MetaMask in Iran e Venezuela hanno segnalato problemi con il completamento delle transazioni ieri. Successivamente è emerso che gli utenti interessati sono stati deliberatamente bloccati per motivi di “conformità legale”.

Ciò è possibile perché MetaMask utilizza un servizio API o gateway tramite Infura. Come MetaMask, anche Infura è di proprietà degli sviluppatori di Ethereum ConsensSys, dopo la sua acquisizione nell’ottobre 2019.

“Infura è un backend Web3 e provider di Infrastructure-as-a-Service (IaaS) che offre una gamma di servizi e strumenti per gli sviluppatori blockchain. Ciò include la suite Infura API (Application Programming Interface).“

Come previsto, la risposta della community non è stata piacevole, con l’inganno sul decentramento come tema comune. E considerando quello che sta succedendo in Russia-Ucraina, alcuni si rendono conto che tu o io potremmo essere i prossimi.

La brutale verità sulla censura di MetaMask
Il vicepresidente della ricerca di The Block, Larry Cermak, ha affermato che se MetaMask è pronto a bloccare gli indirizzi IP venezuelani, non passerà molto tempo prima che blocchino i singoli indirizzi IP. Di conseguenza, Cermak ha suggerito agli utenti di passare a fornitori di portafogli alternativi.

“Se Metamask/Infura è aperto e disposto a bloccare paesi come il Venezuela tramite indirizzi IP, è solo questione di tempo prima che siano costretti dalle autorità di regolamentazione a censurare gli indirizzi IP delle singole persone. Abbiamo bisogno di alternative immediatamente, sperando che Alchemy e altri non lo facciano”.

Ma gli ultimi dati sugli utenti di MetaMask mostrano che ci sono 21 milioni di utenti attivi mensili, rendendolo il portafoglio più popolare sul mercato. In quanto tale, passare a un’alternativa praticabile potrebbe rivelarsi complicato.

L’host del podcast Magic Internet Money, Brad Mills, ha definito Ethereum “un cavallo di troia per la tirannia”. Mills ha sottolineato che le grandi società, inclusa JPMorgan, sono dietro ConsenSys. Ha aggiunto che solo Bitcoin è “resistente al governo”.

Qual è il problema con JPMorgan?
Nonostante il CEO di JPMorgan Jamie Dimon abbia definito Bitcoin “senza valore” solo cinque mesi fa, ciò non ha impedito all’azienda di cimentarsi con le criptovalute. Ad esempio, nel creare il proprio token di pagamento in JPM Coin, che non ha avuto un aggiornamento da un po’ di tempo. Così come i suoi piani per diventare il primo prestatore nel MetaVerse.

Coprendo tutte le basi, la megabanca con sede a New York ha anche intrapreso la strada della partnership con affermate società di crittografia.

Ad esempio, ConsenSys ha acquistato il Quorum blockchain costruito da JPMorgan nell’agosto 2020 per una commissione non divulgata. E nell’aprile 2021 un consorzio, tra cui JPMorgan, ha investito 65 milioni di dollari in ConsenSys.

Ma la relazione tra ConsenSys e JPMorgan è più profonda di così. Un gruppo di 35 azionisti di ConsenSys ha chiesto un “audit speciale” dell’accordo del 2020, che ha visto JPMorgan acquisire una partecipazione in MetaMask e Infura.

Si presume che il Consiglio di ConsenSys abbia violato i suoi doveri fiduciari approvando l’accordo a scapito degli azionisti di minoranza. Di conseguenza, il gruppo sta cercando di annullare l’accordo.

“la proprietà intellettuale fondamentale e le sussidiarie sono state trasferite illegalmente da CAG a una nuova entità, ConsenSys Software Incorporated (CSI).”

Con JPMorgan profondamente radicato nell’ecosistema Ethereum, è tempo di ammettere che ETH non è gestito a nostro vantaggio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *