Intel azioni

Intel Corporation

Intel è quotata sul Nasdaq sotto la sigla INTC.

📊 Invewsti in Intel su eToro

E’ una multinazionale americana con sede a Santa Clara, California, nella Silicon Valley.

È il più grande produttore mondiale di chip semiconduttori ed è lo sviluppatore della serie x86 di microprocessori, i processori trovati nella maggior parte dei personal computer (PC).

Incorporata nel Delaware, Intel si è classificata al 46° posto nella lista Fortune 500 2018 delle più grandi società statunitensi per fatturato totale.

Intel fornisce microprocessori per produttori di sistemi informatici come Lenovo, HP e Dell.

Produce anche chipset per schede madri, controller di interfaccia di rete e circuiti integrati, memoria flash, chip grafici, processori incorporati ( embedded ) e altri dispositivi relativi alle comunicazioni e all’informatica.

Intel Corporation è stata fondata il 18 luglio 1968 Robert Noyce e Gordon Moore, ed è associata alla leadership esecutiva e alla visione di Andrew Grove.

Il nome dell’azienda deriva dall’ associazione di due parole:

Integrato ed elettronico.

Il co-fondatore Noyce che è stato un inventore chiave del circuito integrato (microchip).

Intel è stato uno dei primi sviluppatori di chip di memoria SRAM e DRAM, che hanno rappresentato la maggior parte della sua attività fino al 1981.

Sebbene creò il primo microprocessore commerciale al mondo nel 1971, ma il successo lo ebbe con la creazione del personal computer (PC).

Durante gli anni ’90, Intel investì molto in nuovi progetti di microprocessori favorendo la rapida crescita dell’industria informatica.

Durante questo periodo, divenne il maggior fornitore di microprocessori per PC.

Negli anni ’80 Intel è stata tra i primi dieci venditori di semiconduttori (10 ° nel 1987) nel mondo.

Nel 1992, è diventato il più grande produttore di chip per fatturato e ha ricoperto la posizione fino al 2018 quando è stata superata da Samsung, ma Intel è tornata alla sua posizione precedente l’anno successivo.

Altre importanti società di semiconduttori concorrenti includono TSMC, Advanced Micro Devices (AMD), Samsung, Texas Instruments, Toshiba e STMicroelectronics.

Dove è nata Intel

Intel fu fondata a Mountain View, California, nel 1968 da Gordon E. Moore, un chimico, e Robert Noyce, un fisico e co-inventore del circuito integrato.

Rock non era un dipendente, ma era un investitore ed era presidente del consiglio di amministrazione.

L’investimento iniziale totale in Intel è stato di 2,5 milioni di dollari in obbligazioni convertibili (equivalenti a 18,4 milioni di dollari nel 2019) e 10,000 di dollari da Rock.

Solo 2 anni dopo, divenne una società pubblica attraverso un’offerta pubblica iniziale (IPO), raccogliendo 6,8 milioni di dollari ( 23,50 dollari per azione).

Il terzo dipendente di Intel è stato Andy Grove, un ingegnere chimico, che in seguito ha gestito l’azienda per gran parte degli anni ’80 e gli anni ’90.

Intel si distinse per la sua capacità di realizzare circuiti logici utilizzando dispositivi a semiconduttori.

L’obiettivo dei fondatori era il mercato della memoria dei semiconduttori, ampiamente previsto per sostituire la memoria magnetica core.

Il suo primo prodotto, un rapido ingresso nel piccolo mercato della memoria ad alta velocità nel 1969, fu la 3101 Schottky TTL bipolare a 64 bit di memoria statica ad accesso casuale (SRAM), che era quasi il doppio rispetto alle precedenti implementazioni di diodi Schottky di Fairchild e del laboratorio elettrotecnico di Tsukuba, in Giappone.

Nuono chip SRAM di Intel

Nello stesso anno, produsse anche il chip SRAM a 1024 bit bipolare (ROM) a 3301 Schottky e il primo chip SRAM del gate di campo mosfet (Metal-Oxide-Semiconductor Field-Effect Transistor) commerciale, il 1101 a 256 bit.

Mentre il 1101 fu un progresso significativo, la sua complessa struttura cellulare statica lo rese troppo lento e costoso per le memorie mainframe.

All’inizio degli anni ’80, la sua attività era dominata da chip dinamici a memoria ad accesso casuale (DRAM).

Tuttavia, nel 1983, l’accresciuta concorrenza dei produttori giapponesi di semiconduttori aveva ridotto drasticamente la redditività di questo mercato.

Il crescente successo del personal computer IBM, basato su un microprocessore Intel, fu uno dei fattori che convinsero Gordon Moore (CEO dal 1975) a spostare l’attenzione dell’azienda sui microprocessori e a cambiare gli aspetti fondamentali di quel modello di business.

Dopo il 2000, la crescita della domanda di microprocessori di fascia alta ha subito un rallentamento.

I concorrenti, in particolare AMD (il più grande concorrente di Intel nel suo principale mercato dell’architettura x86), hanno guadagnato una quota di mercato significativa, inizialmente nei processori di fascia bassa e media, ma alla fine in tutta la gamma di prodotti, e la posizione dominante di Intel nel suo mercato principale è stata notevolmente ridotta, principalmente a causa della controversa microarchitettura NetBurst.

Nei primi anni 2000, Craig Barrett tentò di diversificare l’attività dell’azienda oltre i semiconduttori, ma poche di queste attività alla fine hanno avuto successo.

Nel 2010, Intel ha acquistato McAfee, un produttore di tecnologia sulla sicurezza informatica, per 7,68 miliardi di dollari.

Dopo l’acquisizione, Intel aveva circa 90.000 dipendenti, tra cui circa 12.000 ingegneri del software.

Nel settembre 2016, Intel ha venduto una quota di maggioranza della sua unità di sicurezza informatica a TPG Capital.

Nell’agosto 2010, Intel e Infineon Technologies hanno annunciato che Intel avrebbe acquisito il business delle soluzioni wireless di Infineon.

Intel ha pianificato di utilizzare la tecnologia Infineon in laptop, smartphone, netbook, tablet e computer incorporati nei prodotti consumer, integrando infine il modem wireless nei chip di silicio Intel.

Nel dicembre 2014, Intel ha acquistato PasswordBox. Nel gennaio 2015, Intel ha acquistato una partecipazione del 30% in Vuzix, un produttore di occhiali intelligenti.

L’accordo valeva 24,8 milioni di dollari

Nel febbraio 2015, Intel ha annunciato l’accordo per l’acquisto del produttore tedesco di chip di rete Lantiq, per aiutare nella sua espansione della sua gamma di chip in dispositivi con funzionalità di connessione internet.

Nel giugno 2015, Intel ha annunciato l’accordo per l’acquisto della società di progettazione FPGA Altera per 16,7 miliardi di dollari, nella sua più grande acquisizione fino ad oggi.

L’acquisizione è stata completata nel dicembre 2015. Nell’ottobre 2015, Intel ha acquistato la società di cognitive computing Saffron Technology.

Nell’agosto 2016, Intel ha acquistato la startup di deep learning Nervana Systems per 350 milioni di dollari.

Nel dicembre 2016, Intel ha acquisito la startup di visione artificiale Movidius.

A marzo 2017, Intel ha annunciato di aver accettato di acquistare Mobileye, uno sviluppatore israeliano di sistemi di “guida autonoma” per 15,3 miliardi di dollari.

Nel giugno 2017, Intel Corporation ha annunciato un investimento di oltre 170 milioni di dollari per il suo prossimo centro di ricerca e sviluppo (R&D) a Bangalore.

A gennaio 2019, Intel ha annunciato un investimento di oltre 11 miliardi di dollari su un nuovo impianto di chip israeliano, come ha dichiarato il ministro delle Finanze israeliano.

I primi prodotti Intel furono la memoria shift register e i circuiti integrati di memoria ad accesso casuale, e Intel crebbe fino a diventare leader nei mercati della DRAM, della SRAM e della ROM, molto competitivi, durante gli anni ’70.

Contemporaneamente, gli ingegneri Intel Marcian Hoff, Federico Faggin, Stanley Mazor e Masatoshi Shima inventarono il primo microprocessore Intel.

Originariamente sviluppato per la società giapponese Busicom per sostituire un certo numero di ASIC in una calcolatrice già prodotta da Busicom, l’Intel 4004 fu introdotto sul mercato di massa il 15 novembre 1971, anche se il microprocessore non divenne il corebusiness di Intel fino alla metà degli anni ’80.

IBM introdusse il suo personal computer nel 1981, e ebbe rapidamente successo.

Nel 1982, Intel creò il microprocessore 80286, che, due anni dopo, fu utilizzato nell’IBM PC/AT.

Compaq, il primo produttore ibm pc “clone“, produsse un sistema desktop basato sul processore 80286 più veloce nel 1985 e nel 1986 seguì rapidamente con il primo sistema basato su 80386.

Batte IBM e stabilendo un mercato competitivo per i sistemi compatibili con PC e configurando Intel come fornitore di componenti chiave.

Nel 1975, la società aveva avviato un progetto per sviluppare un microprocessore a 32 bit altamente avanzato, finalmente rilasciato nel 1981 come Intel iAPX 432.

Il progetto era troppo ambizioso e il processore non è mai stato in grado di raggiungere i suoi obiettivi di prestazioni e ha fallito sul mercato.

I microprocessori della serie 8080 e 8086 furono prodotti da diverse aziende, in particolare AMD, con le quali Intel aveva un contratto di condivisione della tecnologia.

Grove prese la decisione di non concedere in licenza il progetto 386 ad altri produttori, producendolo invece in tre fabbriche geograficamente distinte:

  • Santa Clara
  • California
  • Hillsboro
  • Oregon;
  • Chandler, un sobborgo di Phoenix, Arizona.

Convinse i clienti che ciò avrebbe garantire una consegna veloce. In questo modo, Intel ha violato il suo contratto con AMD, che ha citato in giudizio ed è stato pagato milioni di dollari in danni, ma non ha più potuto produrre nuovi progetti di CPU Intel.

Gli ingegneri Vinod Dham e Rajeev Chandrasekhar (Membro del Parlamento, Indiano) sono stati figure chiave nel team principale che ha inventato il chip 486 e, in seguito, il chip Pentium di Intel.

Il progetto P5 era precedentemente noto come “Operation Bicycle”, riferendosi ai cicli del processore attraverso due pipeline di esecuzione parallela.

Il P5 è stato introdotto nel 1993 come Intel Pentium, sostituendo un nome di marchio registrato con il precedente numero di parte (numeri, come 486, non possono essere legalmente registrati come marchi negli Stati Uniti).

La P6 seguì nel 1995 come Pentium Pro e migliorò nel Pentium II nel 1997.

Come processore da 32 nanometri, Medfield è progettato per essere efficiente dal punto di vista energetico, che è una delle caratteristiche principali nei chip ARM.

All’Intel Developers Forum (IDF) 2011 a San Francisco, è stata annunciata la partnership di Intel con Google.

Nel gennaio 2012, Google ha annunciato Android 2.3, supportando il microprocessore Atom di Intel Nel 2013

Kirk Skaugen di Intel ha affermato che ora supporterà tutti i “sistemi operativi di primo livello” come Linux, Android, iOS e Chrome.

Nel 2014, Intel ha tagliato migliaia di dipendenti in risposta alle “tendenze del mercato in evoluzione”, e si è offerta di sovvenzionare i produttori per i costi aggiuntivi connessi all’utilizzo dei chip Intel nei loro tablet.

I livelli di sicurezza della tecnologia, l’idea di abbandonare il controllo a una macchina e il comfort psicologico dei passeggeri sono stati inizialmente i principali argomenti di discussione.

Questo è stato principalmente un riferimento al volante automatico senza nessuno seduto sul sedile di guida. Intel ha anche imparato che il regolatore del controllo vocale è vitale, e, l’interfaccia tra l’uomo e la macchina allevia le condizioni di disagio e riporta un certo senso di controllo.

È importante ricordare che Intel ha incluso solo 10 persone in questo studio, il che rende lo studio meno credibile.

In un video pubblicato su YouTube, Intel ha accettato questo fatto e ha chiesto ulteriori test.

Renée James, responsabile software di Intel, è stata selezionata come presidente della società, un ruolo che è secondo alla posizione di CEO.

A maggio 2013, il consiglio di amministrazione di Intel è composto da:

  • Andy Bryant
  • John Donahoe
  • Frank Yeary
  • l’ambasciatore Charlene Barshefsky
  • Susan Decke
  • Reed Hundt
  • Paul Otellini
  • James Plummer
  • David Pottruck
  • David Yoffie
  • Direttore creativo William.

Il consiglio è stato descritto dall’ex giornalista del Financial Times Tom Foremski come “un esempio esemplare di governo societario di altissimo ordine” e ha ricevuto un rating di dieci da GovernanceMetrics International, una forma di riconoscimento che è stata assegnata solo a ventuno altri consigli di amministrazione aziendali in tutto il mondo.

Il 21 giugno 2018, Intel ha annunciato le dimissioni di Brian Krzanich come CEO, con l’esposizione di una relazione che ha avuto con un dipendente.

Bob Swan è stato nominato CEO ad interim, quando il Consiglio ha iniziato la ricerca di un CEO permanente.

Il 31 gennaio 2019, Swan è passato dal suo ruolo di CFO e CEO ad interim ed è stato nominato dal Consiglio come settimo CEO a guidare la società.

Il 13 gennaio 2021, Intel ha annunciato che Swan sarebbe stato sostituito come CEO da Pat Gelsinger, a partire dal 15 febbraio.

Gelsinger è un ex chief technology officer di Intel che in precedenza era stato a capo di VMWare.

Occupazione

Ha una politica pensionistica obbligatoria per i suoi amministratori delegati quando raggiungono i 65 anni.

Andy Grove si ritirò a 62 anni, mentre sia Robert Noyce che Gordon Moore si ritirarono a 58 anni.

Grove si è ritirato come Presidente e come membro del consiglio di amministrazione nel 2005 all’età di 68 anni.

La sede centrale si trova a Santa Clara, in California, e l’azienda ha operazioni in tutto il mondo.

La sua più grande concentrazione di forza lavoro si trova nella Contea di Washington, Oregon (nella “Silicon Forest” dell’area metropolitana di Portland), con 18.600 dipendenti in diverse strutture.

Oltre gli Stati Uniti, la società ha strutture in:

  • Cina
  • Costa Rica
  • Malesia
  • Israele
  • Irlanda
  • India
  • Russia
  • Argentina
  • Vietnam
  • 63 paesi e regioni a livello internazionale.

Negli Stati Uniti impiega un numero significativo di persone in:

  • California
  • Colorado
  • Massachusetts
  • Arizona
  • Nuovo Messico
  • Oregon
  • Texas
  • Washington
  • Utah.

In Oregon, è il più grande datore di lavoro privato dello stato.

L’azienda è il più grande datore di lavoro industriale del Nuovo Messico, mentre in Arizona l’azienda ha 12.000 dipendenti a partire da gennaio.

Intel investe molto nella ricerca in Cina e circa il 10% del numero totale di ricercatori si trovano a Pechino.

Nel 2011, il governo israeliano ha offerto a Intel 290 milioni di dollari per espandersi nel paese.

Come condizione, avrebbe impiegato altri 1.500 lavoratori a Kiryat Gat e tra i 600 e i 1000 lavoratori nel nord.

Nel gennaio 2014, ha tagliato circa 5.000 posti di lavoro dalla sua forza lavoro di 107.000 unità.

Nel marzo 2014, intraprende un piano da 6 miliardi di dollari per espandere le sue attività in Israele.

Il piano prevede continui investimenti in impianti Intel esistenti, e ne farà nuovi fino al 2030.

A dicembre 2014, impiega 10.000 lavoratori in quattro centri di sviluppo e due stabilimenti di produzione in Israele.

A causa del calo delle vendite di PC, nel 2016 ha tagliato 12.000 posti di lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *