Crollo Terra Luna: Fallimento Stable coin Terra Luna?

Disastro cripto

La più grande stablecoin del mondo è scesa al di sotto del suo valore nozionale di 1:1 sul dollaro, con il selloff sul mondo delle criptovalute che continua a peggiorare.

Tether è scivolato a 93,35 centesimi nelle prime contrattazioni europee – oltre il 6,5% al di sotto del suo ancoraggio – ma ha recuperato la maggior parte delle sue perdite dopo che il chief technology officer Paolo Ardoino ha dichiarato in un’intervista che “la maggior parte delle riserve di Tether sono ora detenute in titoli del Tesoro statunitensi privi di rischio”.

Narrativa diversa per Terra UST/USD, la terza stablecoin al mondo, il cui calo sotto il valore di un dollaro ha provocato il collasso dell’altcoin ad essa legata LUNA/USD, la quale ha perso il 98% del proprio valore. Il fondatore De Kwon ha delineato su Twitter il piano di salvataggio per evitare la fine del progetto, precisando che “ci sarà un costo elevato per i detentori di UST e LUNA”.

Tutto questo ha creato un forte effetto domino sull’intero universo cripto, con il Bitcoin precipitato sotto il supporto dei 29 mila dollari.

Inflazione manda in tilt le Borse

Il dato sui prezzi al consumo Usa di aprile (+8,3% vs consenso 8,1%) ha aumentato le scommesse per un aumento dei tassi Fed più aggressivo del previsto, impattando sopratutto le società del Nasdaq (-3,2% e -10% in cinque sessioni). Perdite che, secondo i future, potrebbero continuare anche nel trading odierno, con Nasdaq previsto in calo di 70 punti, S&P 500 a -12 punti e Dow Jones a -60 punti dopo i minimi 2022 toccati ieri sera.

In questo contesto, l’ultimo capitolo dell’inflazione degli Stati Uniti è previsto per le 13:30 CEST con il rilascio dell’inflazione dei prezzi alla produzione per aprile. Gli analisti prevedono che i prezzi di fabbrica siano aumentati solo dello 0,5%, dall’1,4% di marzo, con IPP annuale al 10,7% dall’11,2%.

Negative anche le Borse Ue, con Mib in calo dell’1,5%, Dax al -1,8%, Cac al -2,1% ed Euro stoxx 50 in perdita del 2%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *