Record Nasdaq giugno 2021 e mercati

 

Il nuovo record del Nasdaq non accende le Borse, Brent ai massimi dal 2018

Record Nasdaq giugno 2021: Il nuovo record storico segnato in avvio di seduta dal Nasdaq non accende le borse.

Wall Street rallenta quasi subito e le borse europee si avviano a un chiusura debole, ben lontana dai livelli di apertura.

Nasdaq +0,1%.

Dow Jones -0,1%.

EuroStoxx 50 -0,9%.

FtseMib -0,9% nelle battute finali.

Dati macro USA.

Prima della campanella sono uscite le richieste di ipoteche relative alla scorsa settimana, il rialzo è del 2,1%, dal +4,2% precedente.

Ha battuto le attese l’indice PMI di Markit sulle aspettative dei direttori degli acquisti delle aziende manifatturiere, passato a 62,6 punti da 62,1 di maggio: il consensus era a 61,5.

Ma la sorpresa maggiore è arrivata dall’indice PMI relativo al settore servizi, sceso a 64,8 punti da 70,4: il consensus era a 70.

Molto peggio del previsto il dato sul mercato della casa. In maggio, le case nuove vendute sono state solo 769.000, in calo da 817.000 di aprile, dato rivisto dal precedente 863.000. Il consensus si aspettava 865.000.

Il Treasury Note a dieci anni si indebolisce leggermente a 1,49% di rendimento: +2 punti base.

Il petrolio WTI accelera in rialzo dell’1,2% a 73,70 dollari il barile, su nuovi massimi pluriennali.

La EIA ha comunicato che le scorte USA sono scese più del previsto per 7,6 milioni di barili.

Il Brent ha toccato quota 76 dollari per la prima volta dall’ottobre 2018.

Cross euro dollaro a 1,194: terzo giorno consecutivo di apprezzamento della valuta unica.

Oro a 1.790 dollari, +0,7%.

Titoli Wall Street

Microsoft +0,3%, su un prezzo che vale una capitalizzazione di 1.999 miliardi di dollari: quota 2.000, livello mai visto nella storia, è stata superato ieri sera.

Tesla +2%.

Citigroup +0,8%.

Amazon +0,3%, ha rinforzato la partnership con Salesforce .

Patterson Companies – 10%. La società specializzata in forniture heathcare perde dopo aver comunicato i dati trimestrali.

Coinbase guadagna l’1% trainata dal bitcoin, che allunga in rialzo del 4% oltre i 34mila dollari.

Ieri è arrivato a perdere quasi il 10% scendendo sotto quota 29mila.

In rialzo anche le atre criptovalute meno conosciute, che ieri hanno sofferto di più. Ethereum +4%, Cardano +20%, DogeCoin +31%. Ford sale dell’1%.

Biogen +1%, prevede di completare a breve il suo studio sul farmaco contro l’Alzheimer

Stamattina in Europa sono usciti gli indici PMI relativi alla zona euro. Di seguito il commento di Oliver Blackbourn, Multi-Asset Portfolio Manager di Janus Henderson.

“Il sondaggio sulla PMI dell’Eurozona ha registrato un’altra impennata nel settore dei servizi, in vista dell’imminente riapertura in blocco, conseguenza del calo delle infezioni e dell’implementazione delle campagne vaccinali.

Nonostante l’indice manifatturiero si sia attestato sopra i 60 punti da Marzo il comparto dei servizi “a più stretto contatto” è rimasto indietro, in un periodo in cui l’Europa ha continuato a lottare contro la pandemia.

Le maggiori iniezioni di fiducia si riscontrano in Germania, dove il sondaggio ha restituito un importante incremento di 5 punti nelle risposte relative al settore dei servizi.

Con un’imponente espansione del proprio settore manifatturiero, le stime di consensus su una crescita del 9% su base annua non appaiono irraggiungibili per la più grande economia dell’Eurozona.

In linea con i vincoli che hanno costretto le catene di fornitura globali, il sondaggio ha evidenziato significativi arretrati negli ordini.

Le scorte attuali vengono prosciugate con la progressione del recupero:

la crescita su base annua dovrebbe raggiungere la doppia cifra nel secondo trimestre.

L’aumento dei costi dei fattori produttivi, compresa una componente chiave come la crescita dei salari, continuerà a creare grattacapi alle Banche centrali, preoccupate dagli effetti …

Record Nasdaq giugno 2021….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *